barre-forate

Barre forate: caratteristiche, composizione e capi di utilizzo

Ne abbiamo sentito tanto parlare, ma cosa sono le barre forate? Sono tubi meccanici senza saldatura con spessori differenti capaci di conservare tolleranze maggiori per favorire l’impiego in diverse lavorazioni meccaniche.

Ogni barra forata di qualità deve presentare caratteristiche e composizione precise in modo da presentarsi come elementi essenziali per diversi impieghi meccanici.

In particolare le barre AISI 304/316 appartengono alla categoria dei tubi in acciaio inox ovvero un materiale resistente alla corrosione, estremamente flessibile, facilmente pulibile e perfettamente lavorabile e saldabile.

La particolarità di questo acciaio inossidabile austenitico fa riferimento alla lega di composizione di molibdeno, una sostanza che consente la formazione di carburi di molibdeno migliori rispetto agli altri acciai inossidabili e proprietà più efficaci.

La resistenza e le proprietà di queste barre forate consente un impiego diversificato che si differenzia in modo trasversale nell’universo degli utilizzi meccanici: valvole e attuatori, pompe e compressori, assali e alberi, tenute meccaniche, gruppo di collegamento, strumentazione, agitazione e molto altro.

Ogni esigenza più o meno particolare può essere gestita solo attraverso un’ampia disponibilità di prodotti, un servizio di taglio con segatrice a nastro, una particolare attenzione a preparazione e imballo del materiale e certificazione della composizione chimica del materiale.

Come fare? Basta entrare in contatto con aziende specializzate in commercializzazione all’ingrosso di prodotti in acciaio inossidabile (lamiere AISI con finiture 2B, tubi tondi e sagomati, barre piatte, tonde, angolari e quadrate, tubi forati, reti elettro saldate e altro) come la Vergalli Acciai.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>